Nonostante il caldo e le partite dei Mondiali, all’evento organizzato da AIFCOM, presso la sede e con la collaborazione di SUNUGAL alla Cascina Casottello , quartiere Corvetto di Milano, l’affluenza è stata davvero generosa, e dai contenuti sorprendenti.

Perché tra le circa 20 persone intervenute una buona metà era costituita da coppie miste o persone individualmente vicine a storie di coppie miste, e l’altra metà era rappresentata da operatori del settore delle migrazioni. La presenza di questi ultimi ci ha favorevolmente sorpresi. Significa che il Terzo Settore comincia a comprendere la specificità delle coppie interculturali e a desiderare di dotarsi di strumenti. Dimostriamo ancora una volta di essere davvero punto di riferimento, non solo concreto e pratico, ma anche teorico e di buone prassi.

Si è trattato di un primo incontro, di fatto il tempo è trascorso presentandoci tutti, uno ad uno e raccontando qualcosa della propria storia e delle motivazioni che ci hanno portato a desiderare il confronto.

Le coppie miste, o chi ha fatto parte in passato di una coppia mista, i genitori di bambini misti o i ragazzi misti intervenuti hanno espresso tutti un sostanziale bisogno: portare e condividere la propria esperienza con altre persone, ascoltare e condividere il vissuto personale, aiutare gli altri a reperire risorse interiori grazie ai propri successi personali, essere aiutati a sentirsi meno trascurati dalla società.

Gli operatori hanno portato invece la necessità di avere a disposizione strumenti per sostenere le coppie miste che incontrano nel loro lavoro (sia con un partner italiano sia con entrambi i partner stranieri di diverse nazionalità e provenienze culturali lontane): si tratta di modificare sostanzialmente il punto di vista sulle coppie miste. Da persone necessariamente in difficoltà a parsone portatrici di novità e dotate di strumenti interiori del tutto adeguati a far funzionare la relazione.

Noi siamo usciti da questo incontro con la testa e il cuore in fermento, mille idee che desideriamo realizzare e profonda gratitudine per chi è intervenuto e ci ha portato la sua storia.

Nelle prossime settimane vi parleremo dei progetti a cui stiamo lavorando, scaturiti da questo incontro: uno di questi è un gruppo, a cadenza mensile, di condivisione rivolto alle coppie e alle famiglie miste in merito alla relazione tra i partner,  alle connessioni con le famiglie d’origine e il contesto sociale.

Ma poi c’è anche molto altro in pentola. Restate sintonizzati, si preannuncia un autunno pieno di sorprese!

A presto!

ALBERTO MASCENA e CRISTINA SEBASTIANI

Altri articoli

“Noi coppia mista e felice oltre le barriere della società”

Sull'edizione di domenica 7 Maggio 2022 dell'Avvenire è uscito un articolo che descrive bene l'importanza del lavoro d...

Leggi di più
Mixed – Progetto fotografico di Mara Scampoli

Il progetto mira a documentare un fenomeno sociale che è legato indissolubilmente a quello dell’immigrazione in quant...

Leggi di più
L’esperienza della genitorialità nella coppia mista.

Non si nasce genitore, lo si diventa. In ogni coppia, l’arrivo di un figlio porta ad una trasformazione di sé stesso ...

Leggi di più
Tiziana e Hassan, (Marocco)

Tiziana ha 18 anni, incontra un ragazzo in un bar e iniziano a chiacchierare. 21 anni dopo Tiziana e Hassan, quel ragazz...

Leggi di più