“La mia esperienza di coppia mista” di Hareg

Exemple

Io e mio marito siamo una coppia mista da più di 9 anni. Io sono originaria dell’ Etiopia mentre mio marito è Italiano. La coppia mista di per se già attira gli occhi della gente.

Adesso dopo diverso tempo, siamo visti “uguali, come le altre coppie non miste. Però all’inizio è stato molto difficile perché io non parlavo bene la sua lingua quindi facevo fatica a capire certe cose. Una volta è capitato che mio marito mi ha detto una parola che io ho frainteso, per questo abbiamo litigato!

Di sicuro abbiamo imparato che ci vuole pazienza in una relazione mista e la voglia di conoscere l’altra persona ti da la forza di andare avanti. Nella maggiore parte dei casi la comunicazione è importante per conoscere l’altra persona, e non dialogare bene ci mette nella condizione di commettere errori. Dobbiamo sforzarci per essere capiti.

La vita di una coppia mista nel privato è uguale a tutte le altre coppie, ognuno deve fare il suo dovere, sia come marito che come moglie.

Molte delle persone al di fuori del nostro mondo si lasciano guidare dall’ istinto che li porta ad avere pregiudizi nei nostri confronti. La sensazione è quella di essere visti male e avvolte ti criticano senza conoscerti, anche lo sguardo, a volta, si fa “pesante”.

La prima esigenza di una coppia mista è quindi la corretta comunicazione, cioè se la comunicazione è quanto meno sufficiente, questa rinforza il rapporto di coppia. Di conseguenza anche all’esterno della coppia, il concetto di riuscire a comunicare bene ti permette di integrarti meglio.

I primi anni sono stati pieni di novità, perché c’è la voglia di farsi conoscere da entrambi i lati, più si approfondisce vivendo insieme quotidianamente, più si migliora. Giorno dopo giorno ho capito tanti cose, sia belle che brutte.

Secondo me le persone che hanno il desiderio di confrontasi e cercare l’anima gemella in persone diverse dal proprio mondo hanno un qualcosa di “speciale” e coraggioso, senza nulla togliere alle coppie non miste. Tuttavia, quando ci si fidanza con una persona quasi totalmente diversa da se stessi è già una sfida in partenza, perché si sa che esistono ancor prima di cominciare degli ostacoli oggettivi sia nel rapporto diretto che indiretto (aspetto sociale).

Le coppie miste hanno (o dovrebbero avere) la capacità di superare le diversità (o avversità) che si creano anche solo per il fatto di essere “diversi”; bisogna riuscire a trovare insieme la soluzione ai problemi. Avere la pazienza e riuscire a dare l’ amore senza condizionamenti è una regola di base.

Per questo motivo vorrei ringraziare la persona che per me è molto cara e speciale, che sa prendermi, capirmi ma sopratutto supportarmi!

Grazie amore mio.

Vi lascio con un detto: ”L’apparenza inganna”, quindi mai soffermarsi alle prime impressioni anche se queste ci fanno paura o non sembrano essere di nostro gradimento.

 

Inviaci la tua storia a info@aifcom.org

Commenti

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email