Alessandro e Crishanthika: una coppia italo-cingalese

Exemple

Andavo quasi ogni sera a bere il caffè al circolino, la mia vita è sempre stata una continua ricerca inquieta di qualcosa che potesse stimolare in me un significato per continuare a vivere, un ideale, qualsiasi cosa pur di non sopportare più le persone che mi circondavano; tra gli impostati che si sentivano socialmente riconosciuti ho sempre preferito i disadattati, ma anche a loro stava bene così, non ricercavano la verità, certo per trovare la verità dobbiamo essere disposti ad accettare ciò che non ci aspettavamo, e forse è una qualità rara.

Quella sera la signora che gestiva il circolo mi presentò Crishanthika, una sua amica; non provai subito per lei attrazione fisica e non fui colpito dalla sua bellezza, ma ero fortemente interessato da quello che diceva. Non ricordo bene cosa mi disse ma attraverso le sue semplici parole iniziai a sperare in qualcosa che non sapevo cose fosse e dove mi avrebbe portato; ma appena mi chiese se fossi disposto ad accompagnarla il giorno dopo per risolvere un problema di suo fratello, accettai immediatamente, avrei fatto di tutto per continuare a parlare con lei.  Da quel giorno  non abbiamo più smesso di frequentarci. Dopo 6 mesi in occasione del matrimonio di suoi due fratelli, andai con lei in Sri Lanka per conoscere i suoi genitori e presentarmi come suo fidanzato.

Prima di conoscere lei, al di là delle responsabilità lavorative, conducevo una vita dissoluta, trascuravo la casa dove vivevo e  me stesso, se uscivo con qualche mio amico disadattato avrei sicuramente abusato di bevande alcoliche o sostanze stupefacenti, inoltre disprezzavo mio padre e tutte le persone che non avevano un impegno sociale o politico come me.  Di lei mi piaceva l’attaccamento alla famiglia e l’entusiasmo per le ricorrenze familiari; si interessava in modo sano a me. Mi ha aiutato a migliorare il rapporto con mio padre, poi ha cambiato la disposizione dei vestiti negli armadi, separando i vestiti per la settimana e i vestiti per la domenica, cosa per me allora inconcepibile e ritenuta una usanza borghese, ma fatto da lei era magnifico; era disposta a darmi tutto senza riserve non avrebbe mangiato un gelato senza di me e anch’io ero disposto a fare lo stesso per lei, ma per me non era facile, non avevo e non ho mai avuto le sue qualità.

 

Le diversità suscitano una forte attrattiva all’inizio ma nel tempo recano molti problemi, questa e la nostra esperienza; infatti Crishanthika inizialmente mi sosteneva nell’impegno politico poi si stancò. Poi iniziarono a scontrarsi i nostri caratteri, il mio eccessivamente suscettibile e permaloso, il suo  ipercritico e le discussioni aumentavano. Inoltre non voleva che fumassi e per questo motivo cercavo sempre di farle credere che avevo smesso, ma non ci riuscivo mai.  Nel momento che arrivammo al punto di rottura, Crishanty mi propose di studiare la Bibbia con i Testimoni di Geova che aveva conosciuto il giorno prima; premetto che nonostante sia sempre stato una persona di larghe vedute, qualche pregiudizio nei loro confronti ce l’avevo, ma questo era l’unico appiglio che era rimasto, doveva succedere qualcosa di forte perché così non sarebbe potuta continuare la nostra relazione, e comunque loro non avrebbero potuto reggere il confronto con un sindacalista.

Fu così che rimasi sorpreso dalla loro mitezza, dalla loro preparazione e dall’amore per il prossimo e soprattutto dall’amore che il nostro creatore Geova Dio, per mezzo di loro ha permesso che noi pervenissimo alla verità (Giovanni 6:44) e ci battezzassimo come suoi testimoni; non è stato facile per me fare i cambiamenti necessari,  e non si finisce mai di migliorare, la Bibbia è veramente la parola di Dio, ed ha cambiato la mia vita (Ebrei 4:12).  Oggi nonostante le ansietà ed i problemi siano aumentati, possiamo affermare che siamo molto più uniti di prima (Ecclesiaste 4:12).

Commenti

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email